Incontro di preghiera



Presentiamo uno dei tanti incontri di preghiera.
Diciamo “uno dei tanti”, perchè essi non presentano sempre la stessa fisionomia; ognuno ha uno svolgimento proprio, spontaneo, non preparato, e diverso da una settimana all’altra, e da gruppo a gruppo, perchè diversi e molteplici sono i carismi.
Ma la nota caratteristica che accomuna tutti i gruppi in questi incontri è la preghiera, e soltanto la preghiera, spontanea, libera, varia, semplice e originale.
E non può non essere così, perchè i bisogni della comunità e dei singoli non sono sempre gli stessi, e lo Spirito Santo da parte sua ha sempre cose nuove da dire.
Persone di ogni età e di ogni condizione sociale, diverse per indole, carattere, cultura, godono di trovarsi insieme e pregare in una profonda comunione di mente e di cuori, mai prima esperimentata.
Persone che prima si sentivano estranee e distanti diventano subito amiche e confidenti; tipi chiusi e timidi diventano loquaci, affabili, aperti e sorridenti.
Si salutano con parole affettuose calde, con sorrisi e abbracci sinceri e calorosi che nulla hanno di artificioso e di convenzionale.
Gli incontri si svolgono sotto la guida di una o più persone, non hanno un posto distinto e né sono lì per dominare, ma per servire.
Il loro compito e di incoraggiare tutti a parlare e manifestare i propri sentimenti con libertà, senza preoccuparsi della forma.
La durata dell’ incontro di preghiera è generalmente di due ore.
Inizia abitualmente con un canto, un inno gioioso di lode al nostro Signore, o anche una fervida invocazione allo Spirito Santo.
Terminato il canto uno qualsiasi del gruppo o dei presenti manifesta a voce alta i propri sentimenti di lode, di adorazione e di ringraziamento al Signore Gesù, con parole semplici, spontanee, improvvisate, suscitate in quel momento dallo Spirito Santo, e con le braccia alzate in segno di offerta e di accoglienza dei doni dello Spirito.
Le preghiere di lode sono intervallate da canti, da preghiera in lingue, ecc., calcando lo schema di San Paolo nella prima lettera ai Corinti (14, 26-33).
Durante l’incontro vi sono anche insegnamenti di breve durata (15′) o condivisione della Parola, cioè lettura e ascolto di un brano evangelico, lasciando che “risuoni” dentro di noi per condividerne con i fratelli la propria meditazione.
L’incontro si conclude con la preghiera d’intercessione per i bisogni dei fratelli e per quanti hanno richiesto preghiere.
Sono molte le testimonianze di avvenute conversioni, guarigioni e liberazioni che avvengono nel corso di questi incontri di preghiera, ma soprattutto un deciso cambiamento di vita in positivo.

(don Serafino Falvo)

vedi anche: